News
Categorie
L'AQUILA E IL CONDOR - Presentazioni Editoriale Attivita Cultura Globalizzazione Ecologia Economia Documenti Finanza
  • » Glossario Finanza
  • Opinioni e Proposte Giustizia Attualita Multimedia-TV
  • » Video
  • » TV
  • Recensioni Radio PuntoZenith Cinque per mille Storia Nascosta (cose mai dette) La Palestina: le ragioni di un conflitto Posta elettronica Note Legali


    email Invia un' email ad un amico | print Versione stampabile |

    Relazione sul Convegno di Roma: Vallegiulia 1968

    di S:Fontana M.C.Rajani on Luglio 02,2008

    image
    Lunedi 30 Giugno a Roma, ore 17,30, convegno della nostra Associazione sui fatti di Valle Giulia 1968, al Teatro Stabile del Giallo. Il convegno è stato da noi organizzato per dar voce a chi ha, davvero, partecipato a quei giorni di contestazione ,agli scontri con la polizia ma anche per dar modo a chi, troppo giovane, a quel tempo, ha poi vissuto le ricadute di quell'evento.
    In ogni caso pensiamo che vada reso onore a chi aveva un sogno, perseguiva l'utopia di superare gli opposti estremismi.Il sogno di quel sessantotto che nasceva anche dal nobile intento di "rompere" il baronato accademico e la realtà, invece, dell'inizio del degrado dell'istruzione italiana, oggi tra le peggiori d'Europa.


    Ha aperto Mario Merlino con un intervento pieno di citazioni interessanti e di pathos, un uomo che non ha mai smesso di sognare.
    La ricostruzione della volontà dei camerati di Avanguardia, la cui maggioranza si trovava allora in Belice per aiutare nel dopo terremoto, di partecipare al sogno, l
    La decisione di tornare a Roma, apparve chiara sullo striscione apparso all'università : Questa volta La Caravella se ne frega.
    La sofferta decisione di manifestare con i compagni in quella ,che all'inizio, era solo una protesta sindacale.

    Poi Baldoni con chiarimenti e descrizioni di chi partecipò ai fatti essendo, all'epoca a capo della Giovane Italia-MSI e Sandro Provvisionato, per fornire la visione di chi, i fatti li aveva vissuti militando a sinistra.
    Gabriele Adinolfi ha parlato a nome delle generazione successiva , quella del 1977, che, al posto della fantasia distrutta, si è nutrita di odio.

    Stefano delle Chiaie ha chiuso gli interventi, ricostruendo lucidamente la decisione, di allora, di trasformare la protesta studentesca in lotta al sistema.

    Il primo di febbraio 1968, i compagni vennero a difendere l'università con i pomodori....i camerati di Avanguardia con i bastoni.

    La carica della celere... i camerati che formano la prima fila a difendere gli studenti del Movimento, sulle scalinate.
    La foto, che appare nella locandina del nostro convegno, un'icona davvero, in cui nelle prime file c'erano gli studenti di Avanguardia.
    ...La decisione di passare sopra l'antagonismo, la decisione di Stefano di far partecipare, con tornei di calcio, rossi e neri. Imporre l'abitudine a convivere.
    L'interesse per la Cina come terza potenza contro Usa e Urss.
    La volontà di creare un corteo unico di protesta, di giovani neri e rossi.... che non ci fu mai per colpa dell'intervento dei Volontari Nazionali e dei pugili di Angelino Rossi che vennero apposta per creare la frattura.
    Da li, mai più insieme...l'inizio dell'atmosfera che avrebbe portato agli anni di piombo.
    La destra patriottarda, seppellita sotto un cumulo di qualunquismo borghese, scrive Adinolfi, non aveva più una parola d'ordine da dare alla gioventù...
    Un sogno che si è infranto davanti ai mazzieri della destra nazionale con l'implicito avvallo del PCI.

    Il Movimento morì li e iniziò la fase gruppettara e dell'antifascismo militante.
    Si è parlato anche del '68 come momento internazionale ed europeo, la visita di Cohn Bendit, il primo manifesto del '68 francese, chiaramente di ispirazione non marxista.
    E' stata fortemente evidenziata, la paura delle istituzioni e della partitocrazia che la sosteneva, di una trasversalità giovanile che poteva andare dritta al cuore del sistema con furia rivoluzionaria.

    Il convegno si è concluso con l'augurio....di ritornare a sognare...in contrapposizione al rinnovato grigiore di questi anni.

    La versione integrale audio è ascoltabile su Radio Punto Zenith.

    1917 numero letture

    Ti e' piaciuto questo articolo?

    1 2 3 4 5 Rating: 4.43Rating: 4.43Rating: 4.43Rating: 4.43Rating: 4.43 (totale 21 voti)

     

     


    Copyright puntozenith.org - Powered by deanetwork -