News
Categorie
L'AQUILA E IL CONDOR - Presentazioni Editoriale Attivita Cultura Globalizzazione Ecologia Economia Documenti Finanza
  • » Glossario Finanza
  • Opinioni e Proposte Giustizia Attualita Multimedia-TV
  • » Video
  • » TV
  • Recensioni Radio PuntoZenith Cinque per mille Storia Nascosta (cose mai dette) La Palestina: le ragioni di un conflitto Posta elettronica Note Legali


    email Invia un' email ad un amico | print Versione stampabile |

    Evoluzione e ruolo delle multinazionali (4)

    di redazione Puntozenith on Marzo 02,2007

    image

     

    Nel mondo agiscono circa 44mila imprese multinazionali con più di 200mila filiali, veri e propri tentacoli di radicazione sul pianeta. Di queste 40.000 società ne emergono 200 che rispetto a tutte le altre hanno un distacco abissale per espansione e potenza economica. Esse giocano un ruolo preminente a tutti i livelli, influenza politico-economica sia nei paesi di origine che all’estero, capacità di investimenti colossali grazie alle concentrazioni di capitali, controllo della tecnologia indirizzata al solo scopo del profitto, possesso dei brevetti. Un potere enorme che viene esercitato in tutti i settori chiave per la sopravvivenza dell’umanità.

    La necessità di fusioni, di concentrazione di capitali per far fronte ad un mercato sempre più vasto ed aperto, ha portato ad una loro dislocazione crescente in funzione di un maggior abbattimento del costo del lavoro e del possesso delle fonti di materie prime. E’ così che, negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito ad una rivoluzione nella classifica delle prime 200 imprese transnazionali. Quelle con sede negli Stati Uniti si sono ridotte di un quarto, mentre sono considerevolmente aumentate quelle giapponesi, francesi e tedesche e diminuite ulteriormente quelle del Regno Unito. A questi cinque paesi appartengono 172 di queste 200 transnazionali.

    Del cosiddetto Terzo Mondo solo la Corea del Sud (se ancora può ritenersi in quest’area) e il Brasile hanno una presenza negli scalini più bassi di questa classifica dei potenti. Una situazione, comunque, in via di cambiamento data la progressiva marcia che la Cina sta facendo verso il liberalismo economico. Anche questo mercato s’é ormai aperto all’accesso delle principali transnazionali tanto che la Cina ha superato Stati Uniti e Germania come polo d’attrazione di questo tipo d’investimenti.
    Anche tra le 200 prime della classe, comunque, esiste una gerarchia economica che mostra grossissime differenze. Solo 10 di esse, infatti, accaparrano profitti annui pan a quelli adelle altre 190.

     


    2689 numero letture

    Ti e' piaciuto questo articolo?

    1 2 3 4 5 Rating: 3.88Rating: 3.88Rating: 3.88Rating: 3.88 (totale 181 voti)

     

     


    Copyright puntozenith.org - Powered by deanetwork -