News
Categorie
L'AQUILA E IL CONDOR - Presentazioni Editoriale Attivita Cultura Globalizzazione Ecologia Economia Documenti Finanza
  • » Glossario Finanza
  • Opinioni e Proposte Giustizia Attualita Multimedia-TV
  • » Video
  • » TV
  • Recensioni Radio PuntoZenith Cinque per mille Storia Nascosta (cose mai dette) La Palestina: le ragioni di un conflitto Posta elettronica Note Legali


    email Invia un' email ad un amico | print Versione stampabile |

    Approfondimento 1: Business Roundtable

    di redazione Puntozenith on Marzo 10,2007

    image

     

    Questo gruppo di influenza è stato costituito nel 1974. E’ formato dai dirigenti delle 200 imprese più importanti d’America. Dispone di un budget illimitato di denaro per le sue operazioni di pubbliche relazioni e di pressione diretta e indiretta. Rifugge dalla pubblicità, nel senso che raramente assume posizioni ufficiali per illustrare le proprie finalità.

    La potenza di questa lobby dipende essenzialmente dalla importanza dei personaggi della politica, dell’economia, della stampa e delle istituzioni internazionali, con i quali ha stabilito vincolanti relazioni. Molti sono i politici la cui carriera è stata costruita con i finanziamenti della BR. Molti i giornali e giornalisti sul suo libro paga. Molti i dirigenti tecnici, amministrativi ed esperti del gruppo che sono consiglieri dei vari uffici del Congresso e dei vari Organismi Internazionali.

    La sua rete di relazioni è formata da circa 5.000 (cinquemila persone di stanza a Washington. Costoro fanno senza sosta la spola fra mondo politico e mondo degli affari usando come mezzi di pressione denaro e organi d’informazione. Non solo stimolano le decisioni verso gli interessi del gruppo, ma si occupano di mediare le divergenze fra i vari membri del Congresso e dell’establishment industriale finanziario.

    Questo potere deriva dal fatto che il reclutamento e i contatti della BR avvengono costantemente sia nel partito repubblicano che in quello democratico.
    Questo gruppo ha avuto un’influenza decisiva nell’ispirare le norme per la ratifica degli accordi di Marrakech sulla deregolamentazione del libero scambio che hanno concluso il ciclo dell’Uruguay del Gatt dando vita al WTO. In tale occasione si è distinto per l’abilità e la capacità di influenza con cui ha tolto le castagne dal fuoco a Robert Dole, allora capo della maggioranza repubblicana al Senato. Dole, la cui carriera è finanziata dal BR, incontrava forti resistenze a far ratificare gli accordi di Marrakech, da parte dell’ala dura del suo partito contraria al libero scambio. I

    I BR è intervenuto su ognuno dei “ribelli” individualmente, ha mediato poi con le ali pin scambiste per far approvare un’istanza salvafaccia che accontentasse tutti: quella del controllo da parte dei giudici americani sulle decisioni della futura WTO. Questo episodio va comunque inteso cum grano salis. Perché dimostra come negli stessi USA esistano ancora forti e potenti lobbies nazionali.
    Il BR ha dovuto mediare, cioè cedere qualcosa.


    1026 numero letture

    Ti e' piaciuto questo articolo?

    1 2 3 4 5 (totale 0 voti)

     

     


    Copyright puntozenith.org - Powered by deanetwork -