News
Categorie
L'AQUILA E IL CONDOR - Presentazioni Editoriale Attivita Cultura Globalizzazione Ecologia Economia Documenti Finanza
  • » Glossario Finanza
  • Opinioni e Proposte Giustizia Attualita Multimedia-TV
  • » Video
  • » TV
  • Recensioni Radio PuntoZenith Cinque per mille Storia Nascosta (cose mai dette) La Palestina: le ragioni di un conflitto Posta elettronica Note Legali


    email Invia un' email ad un amico | print Versione stampabile |

    "La mia vita non vale i voti di tutto il mondo."

    di redazione Puntozenith on Marzo 20,2008

    image

    .

    .

    .

    .

    .

     

    Riceviamo da Gianandrea la seguente lettera e la pubblichiamo:

    "La mia vita non vale i voti di tutto il mondo."

    Manca circa un mese alle nuove elezioni politiche 2008, e
    tutto l’'ambiente sta fremendo.
    Comunicati stampa, conferenze, presentazioni, forum
    politici, alleanze appena fatte, alleanze appena distrutte,
    chi dice una cosa, chi ne dice un’altra. Tutto freme,
    tutto corre velocemente, voti, adesioni, ancora voti, ancora
    alleanze, ancora comunicati stampa. E’ normale, è
    così, si sa. Siamo di destra, di estrema destra, siamo
    idealisti, siamo camerati. Si, ma il cameratismo? La
    cultura? La musica alternativa? Tutto in secondo piano, la
    prima pagina ormai è dedicata ai voti. Noi che odiamo il
    sistema politico, noi che molte volte gridiamo allo schifo
    che c’'è sopra le poltrone di Roma, ecco, sì, proprio
    noi che tutto l’'anno diciamo che siamo diversi, abbiamo
    buttato tutto nel cesso. Le cose nascono libere, e poi
    diventano schierate, sì, per i voti. Soltanto per i voti.
    Io voglio continuare a leggere Evola, ad ascoltare le radio
    libere portate avanti da camerati, voglio comprarmi il nuovo
    cd di musica alternativa, o leggere la nuova recensione o le
    novità imminenti, senza vedere ogni volta la stessa cosa.
    Quello squallido manifesto che sporca la purezza con una
    matita che ti invoglia a votare questo o quello.

    Non fraintendetemi, non voglio additare questo o quello per
    ciò che stanno facendo. E’ piuttosto uno sfogo, uno
    sfogo di un ragazzo che sente di appartenere a qualcosa che
    va oltre il voto, oltre l’alleanza politica. “Se vuoi
    cambiare il sistema – direte voi – devi farlo,
    forzatamente; la politica si cambia dall’interno.”.
    Sì, è vero, no non lo è, forse, chissà. A me non sta
    bene, io non ho paura di dire che manca soltanto un mese al
    voto e io non so chi votare, nessuno mi rappresenta al cento
    per cento. Ma soprattutto non ho paura ad ammettere che
    nessuno mi rappresenta. Non voglio cadere nell’'errore che
    faranno in tanti. La paura di disperdere il voto. No io non
    ho paura, e state certi io non lo farò. Io amo il
    cameratismo, io amo il mio ideale, io amo i libri che mi
    circondano e la musica che ascolto da anni.
    Questa è la mia vita, questa è la mia natura. Non mi
    rovinerò per una manciata di voti.
    Ognuno è libero di fare ciò che si sente, e, ripeto,
    questa non è una critica nei confronti di qualcuno. Forse
    è una critica a me stesso, ancora oggi sono troppo
    idealista forse, e forse credo in qualcosa di utopico. Ma
    preferisco morire nell'’utopia e nel sogno, piuttosto che
    vivere come un burattino.

    Conclusione? Niente di particolare. Io continuo ad andare
    per la mia strada. Con i camerati che mi staranno a fianco,
    con coloro che so non mi abbandoneranno.

    Questa è la mia vita, e io non la vendo. Non vale i voti
    di tutto il mondo.

    Gianandrea

    Ci ha molto colpito il tuo sconforto. Siamo concordi con te che, in questo periodo, non si fa altro che parlare del circo delle elezioni, dimenticando gli argomenti davvero impellenti e non procrastinabili per il nostro Paese.


    Sappi che non sei solo, noi siamo sulla tua lunghezza d'onda. Proprio per questo, come avrai visto, continuiamo nel nostro lavoro di ogni giorno e ci guardiamo bene dal partecipare ai giochi di questo circo.

    Qui troverai sempre la porta aperta ed uno spazio veramente libero ed indipendente per esprimere le tue idee.


    1351 numero letture

    Ti e' piaciuto questo articolo?

    1 2 3 4 5 Rating: 4.20Rating: 4.20Rating: 4.20Rating: 4.20Rating: 4.20 (totale 10 voti)

     

     


    Copyright puntozenith.org - Powered by deanetwork -